La famosa macchina da scrivere, la lettera 35 di Olivetti, progettata da Mario Bellini nel 1972 compie 48 anni ed è esposta nella biblioteca di Vazzola. L'oggetto storicamente ha avuto un grande successo tra giornalisti e scrittori.

Anche Giorgio Lago, giornalista nato il 1 settembre 1937 a Vazzola, ha utilizzato questa macchina, un oggetto dal peso molto ridotto circa 5,5 chili, arrivando a 7,1 con la custodia originale in plastica.

Giorgio Lago fu direttore del Gazzettino per 12 anni oltre ad essere stato inviato speciale a 5 mondiali di Calcio e a 4 giochi olimpici e divenne un punto di riferimento per il giornalismo del nord-est.

“Mio padre cambiò circa 10 macchine da scrivere, - afferma Francesco Lago Chiavacci, figlio dello storico giornalista - nella sua vita ha sempre preferito questo tipo di scrittura ai computer, solo negli ultimi 3 anni di carriera si è convertito al digitale”.

Nel 2017 la Biblioteca Comunale e l’auditorium di Vazzola si trasferiscono nella nuova sede di via Nardi e furono intitolati proprio a Giorgio Lago.

Abbiamo voluto intitolargli questa struttura - spiega l’ex Sindaco di Vazzola ora consigliere di minoranza Pierina Cescon - , per ricordare le sue origini e per sottolineare il legame del giornalista con il nostro territorio comunale”.

Oltre alla famosa macchina da scrivere all’interno della biblioteca, i familiari hanno donato quasi un migliaio di scritti di lago che testimoniano la vastità e la attualità degli studi del giornalista.

“Giorgio Lago - conclude il figlio, - nella sua vita ha girato per tutta l’italia e ha vissuto principalmente a Castelfranco ma ha sempre avuto un legame importante con il suo paese Natale per questo abbiamo deciso di mettere a disposizione di tutti all’interno della Biblioteca comunale le sue opere”.

Proprio in questi giorni l’associazione “Amici di Giorgio Lago” dopo 3 anni di pausa ha indetto il Premio Giorgio Lago juniores, un contest indirizzato alle classi quinte dei Licei del nord est.

La premiazione avverrà nel mese di maggio a Castelfranco e i primi tre classificati riceveranno una borsa di studio per sostenere i corsi universitari.

(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it © Riproduzione riservata).
#Qdpnews.it